Cestini di primavera: croccanti fuori e succulenti dentro, uno tira l’altro!

30 Marzo 2018alessia aloe
cestini di primavera

Sembra in arrivo la primavera, anche se è ancora un po’ timida e si fa desiderare! E’ la mia stagione preferita…anche se ogni stagione mi piace per qualche sua particolarità. Ma la primavera vince su tutte. Fiori, profumi, colori, sole e luce per più ore, aria piacevole…tutto si risveglia e torna pieno di vita. Un po’ come noi che iniziamo ad accantonare i cappottoni e i colori scuri e vorremmo già passare alle magliette colorate a mezze maniche! Ma saggezza popolare ci insegna di andare per gradi. Nel mio dialetto, maidese (di Maida, il mio paese di origine), c’è una filastrocca che dice “Aprile nè cacciare nè mentire; Maju cangiati saju; Giugnu mutati tundu” che tradotto significa ” ad Aprile non togliere vestiti nè aggiungine altri; a Maggio cambia il cappotto; a Giugno puoi cambiarti totalmente”. E’ la mia stagione preferita anche perché è stata quella in cui io e Ferdinando ci siamo fidanzati e soprattutto perché, da quasi un anno a questa parte, è nata la nostra Primavera Sara! Così eccoci con una ricetta colorata e sfiziosa che sa di primavera e che potrà tornarvi utile per le vostre prime scampagnate e che è ottima anche per i più  piccoli di casa: vi basterà omettere il pepe e il sale (o ridurre quest’ultimo).  E’ tra i miei appunti da qualche anno ed è stata gustata da diverse persone che hanno apprezzato e gradito! Con questa ricetta, ottima per un aperitivo di Pasqua da gustare insieme alla nostra maionese senza colesterolo o per i vostri picnic di pasquetta, io e Sara vi auguriamo feste serene e “primaverili”!

Fateci sapere se vi piace la ricetta scrivendo un commento in basso e se la provate, condividete le vostre foto usando l’hashtag #dirittoincucina e taggate il nostro profilo @dirittoincucina!
Non dimenticate di seguirci su FacebookInstagram e Twitter! Grazie! 🙂

5 da 1 voto
Cestini di primavera
Preparazione
10 min
Cottura
35 min
Tempo totale
45 min
 
Porzioni: 20 cestini
Chef: Alessia e Sara
Ingredienti
  • 1 rotolo di pasta fillo
  • 500 g di topinambur
  • 2 carote grosse
  • 2 coste di sedano piccole
  • 2 cipollotti di Tropea con coda
  • 1 tazza di piselli
  • 4 rametti di timo fresco
  • 3-4 rametti di finocchietto selvetico fresco
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva (più quello per spennellare)
  • 1/2 bicchiere di acqua
  • sale
  • pepe
  • semi di papavero
  • semi di sesamo
Istruzioni
  1. Lava e sbuccia cipollotti, carote e sedano. I topinambur lavali sotto l'acqua con una spazzola per alimenti così da non doverli sbucciare.

  2. Trita finemente i cipollotti, comprese le code. Taglia a cubettini della stessa dimensione gli altri ortaggi. Scalda l'olio in una padella capiente e fai appassire i cipollotti con un pizzico di sale.

  3. Lava e trita finemente finocchietto. Aggiungi tutti gli altri ingredienti, il timo intero, tranne il pepe, copri e fai cuocere a fuoco medio per 10-15 minuti mescolando di tanto in tanto. A metà cottura, regola di sale e spolvera con una macinata di pepe. Quando sarà tutto cotto ma leggermente al dente, spegni, trasferisci in una ciotola e fai raffreddare. Elimina i rametti di timo che avranno perso le foglie in cottura. 

  4. Accendi il forno a 190° C modalità statica.

  5. Spennella degli stampi da muffin con dell'olio. Srotola la pasta fillo. Prendine 3 fogli sovrapposti per volta e ricava 20 rettangoli. Inserisci ogni rettangolo (da 3 fogli) nello stampo. Riempilo con 2 cucchiaiate di ortaggi. Richiudilo portando tutti i bordi della pasta al centro e sigillali tra loro e in superficie spennellandoli con poco olio. Cospargi a piacere con semi di papavero o di sesamo.

  6. Inforna e lascia cuocere per 25 minuti finché la pasta fillo sarà ben dorata e croccante. Sforna, lascia intiepidire qualche minuto e poi estrai dagli stampi e fai raffreddare capovolti. 

Note
  • Puoi consumarli anche freddi.
  • Si conservano in un contenitore di vetro chiuso anche per il giorno dopo. 
  • Prima di consumarli puoi riscaldarli qualche minuto per ridare un po' di croccantezza.
  • Puoi omettere pepe e sale per i più piccoli.

cestini primavera

Alla prossima ricetta,

Alessia e Sara! 🙂

Lascia un commento in basso e seguici anche su FacebookInstagramTwitter!

cestini primavera

2 Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post precedente Post successivo