Krapfen vegani

28 Febbraio 2019alessia aloe
krapfen crema nocciole

Krapfen vegani finalmente! Si, perché è da tempo che avrei voluto prepararli ma poi ho sempre fatto altro. Ma questa volta ce l’abbiamo fatta e soprattutto siamo molto soddisfatte del risultato…riuscite ad assaporarli dalle foto?!

Oggi è giovedì grasso, inizia Carnevale, e sentiamo già il profumo delle fritture che invaderanno le case! Noi abbiamo fritto in anticipo, ci siamo sacrificate per voi così potrete preparare questi krapfen leggerissimi e buonissimi senza uova, burro e latte…vi assicuriamo che vi piaceranno di più così! Sono anche molto facili da preparare, hanno una doppia lievitazione ma quella non è impegnativa perché potrete dedicarvi ad altro mentre loro crescono.  Per i più piccoli, li abbiamo cotti al forno a forma di ciambelline. A Sara sono piaciute un sacco, e anche noi grandi! Per prepararli ho usato una farina di cui sono stata entusiasta appena l’ho trovata tra gli scaffali del supermercato! Avendo una doppia lievitazione,  la farina ideale è la manitoba che è una farina forte. Sapete che io uso farine integrali o semintegrali. Ecco, la farina che ho usato per i miei krapfen è una manitoba di tipo 1! Fantastico! E’ una novità prodotta con grano delle provincie di Modena, Bologna e Ferrara da Molini Pivetti. Per farcirli invece abbiamo subito provato la squisita crema di nocciole acquistata al festival del cioccolato qui a Parma, prodotta da Puro cioccolato in Piemonte, con soli 4 ingredienti: nocciole Piemonte IGP 55%, cacao, massa di cacao e zucchero. Vi consigliamo di provarli entrambi! Insomma, siete pronti a impastare indossando una coloratissima mascherina? Per altri deliziosi dolci di Carnevale date un’occhiata ai nostri irresistibili limoncelli e chiacchiere!

Aspettiamo di vedere i vostri krapfen!  Invianteci le vostre foto o pubblicatele taggandoci con @dirittoincucina e #dirittoincucina😉

Non dimenticate di seguirci sui nostri profili Facebook  e Instagram e di condividere la ricetta! Grazie! 🙂

krapfen tanti

Preparazione
30 min
Cottura
10 min
Tempo per lievitazione
3 h
Tempo totale
40 min
 
Porzioni: 18 krapfen
Chef: Alessia & Sara
Ingredienti
  • 300 g di farina manitoba di tipo 1
  • 60 g di zucchero demerara sottile
  • 1/2 limone non trattato, buccia grattugiata
  • 1/2 bacca di vaniglia, semi
  • 100 g di bevanda di soia senza zucchero
  • 5 g di lievito di birra fresco
  • 100 g di panna di soia da cucina
  • olio di arachidi per friggere
Per farcire
  • crema di nocciole o marmellata
  • zucchero semolato
Istruzioni
  1. In una ciotola capiente, miscela farina, zucchero, limone e vaniglia.

  2. Scalda leggermente la bevanda di soia e sciogli dentro il lievito. Aggiungi la panna ed emulsiona.

  3. Versa la miscela liquida nei secchi ed inizia ad impastare per qualche minuto.

  4. Aggiungi pian piano l'olio, mentre impasti, e quando sarà assorbito tutto, impasta per 15 minuti. Io ho usato la planetaria per praticità ma puoi farlo anche a mano.

  5. Forma un panetto liscio, riponi nella ciotola, copri con pellicola e lascia lievitare per 2 ore o finché avrà triplicato il volume.

  6. Dopo la prima lievitazione, lavoralo un po' a mano e stendi una sfoglia di 1 cm di spessore.

  7. Ricava dei cerchi di 8 cm di diametro. Posiziona sul piano infarinato o sulle teglie rivestite di carta da forno infarinata. Copri con canovacci puliti e lascia lievitare un'altra ora.

  8. Scalda l'olio e friggi poco per volta a fuoco medio. Fai dorare da entrambi i lati. Scola e lascia asciugare su carta assorbente. Quando sono ancora caldi, passali nello zucchero semolato e farcisci. Gusta ancora caldi.

  9. Puoi cuocerli anche in forno caldo a 210° C per 10-12 minuti.

krapfen alto

krapfen ripieno orizzontale

krapfen cioccolato puro

krapfen piatto pieno

krapfen ciambelle al forno mano

Alla prossima ricetta,

Alessia e Sara! 🙂

Lascia un commento in basso e seguici anche su FacebookInstagramTwitter!

2 Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post precedente Post successivo